Home FAQ Cos’è la busta paga
Cos’è la busta paga PDF Stampa E-mail
La busta paga è il documento che indica nel dettaglio la somma che il lavoratore e la lavoratrice percepiscono in un dato periodo come compenso della loro attività, le imposte versate allo Stato e le trattenute previdenziali.

Si tratta di un prospetto fondamentale per verificare se è stato corrisposto quanto dovuto in applicazione del contratto di lavoro e delle leggi vigenti in materia di previdenza, fisco, ecc..

La busta paga infatti ha validità giuridica e, in caso di vertenze, ha valore di prova davanti all'autorità giudiziaria per certificare la giustezza della retribuzione, del trattamento di fine rapporto, dei versamenti previdenziali.

È quindi molto importate controllarne sempre l'esattezza del contenuto, e soprattutto conservare le buste paga ricevute, per tutto il tempo della vita lavorativa, anche dopo aver eventualmente cambiato il posto di lavoro.

La Legge n. 4/53 obbliga i datori di lavoro a corrispondere la retribuzione con un prospetto paga su cui devono essere indicati tutti gli estremi relativi al lavoratore, alla retribuzione, alle trattenute. Tale prospetto deve portare la sigla o il timbro dei datore di lavoro ed essere vidimato dagli organismi competenti. 

La prima parte della busta paga, in genere quella in alto, contiene alcuni dati relativi a: 

  • Azienda  denominazione, indirizzo, posizione INPS e INAIL
  • Lavoratore  cognome e nome, data di nascita, posizione INPS, codice fiscale
  • Rapporto di lavoro  tipo di rapporto, data assunzione, qualifica, livello professionale
  • Periodo  mese, ore e giorni lavorativi e retribuiti
  • Retribuzione paga base, contingenza, EDR, eventuale superminimo
  • Scatti anzianità importo e decorrenza nuovo scatto di anzianità. 

Nella parte sottostante:

Imponibile previdenziale utile per il calcolo della pensione ecc.

Imponibile fiscale sul quale si applica la trattenuta IRPEF (tasse)

Deduzioni fiscali ciò che non incide sul reddito

Detrazioni fiscali ciò che viene detratto dal valore dell’IRPEF da versare 

Conguaglio fiscale compensazione delle tasse pagate durante l'anno

Totale netto in busta paga

Ferie, ROL, ex festività, R/R maturate, godute, residue. 

Elementi di Retribuzione Mensile

  • Immediatamente sotto i dati anagrafici e statistici, la busta paga contiene i dati relativi alle competenze spettanti al lavoratore
  • Lo stipendio / retribuzione (di norma mensilizzata) per gli impiegati
  • Il salario / retribuzione (di norma oraria) per gli operai
 

Elementi Retributivi Nazionali

La retribuzione minima contrattuale prevista dal CCNL per i diversi livelli è composta da paga base, contingenza, elemento distinto della retribuzione (EDR), scatti di anzianità, eventuale terzo elemento (superminimo collettivo), eventuale cottimo. 

Di seguito riportiamo i valori che compongono la retribuzione a valere dal 1.1.2009. La parte finale di questa guida riportano la sintesi dei principali istituti economici e normativi dei CCNL trattati. 

CALCE – CEMENTO – GESSO  INDUSTRIA                LEGNO ARREDAMENTO INDUSTRIA     

 

Livello Minimo Tabellare Contingenza EDR   Livello Minimo Tabellare Contingenza EDR
A  D 3 1.408,23 533.43 10,33 AD3 1.393,35 531.91 10,33
A  D 2 1.260,70 530.24 10,33 AD2 1.361,22 531.91 10,33
A  D 1 1.153,41 523.11 10,33 AD1 1.294,27 529.75 10,33
A  C 3 1.093,05 523.11 10,33 AC5 1.227,90 527.94 10,33
A  C 2 1.052,82 523.11 10,33 AC4 1.128,41 525.22 10,33
A  C 1 999,17 519.55 10,33 AC3-AC2-AS4 1.028,86 522.41 10,33
A  S 3 938,82 519.46 10,33 AS3 979,61 521.02 10,33
A  S 2 898,59 517.65 10,33 AC1-AS2 929,29 518.45 10.33
A  S 1 865,05 517.65 10,33 AE4-AS1 889,33 517.76 10,33
A  Q 2 811,40 515.49 10,33 AE3 839,53 516.53 10,33
A  Q 1 777,88 515.49 10,33 AE2 789,75 514.79 10,33
A  E 1 672,13 513.24 10,33 AE1 663,84 512.16 10,33
 
 

LATERIZI  E  MANUFATTI   INDUSTRIA     LAPIDEI INDUSTRIA 

Livello Minimo Tabellare Contingenza EDR   Livello Minimo Tabellare Contingenza EDR
               
A S 1.463,79 534.84 10,33 AS 1.288,91 531.34 10.33
A 1.230,89 528.00 10,33 A 1.185,72 528.18 10.33
B 1.004,68 521.40 10,33 B 966,64 521,48 10.33
CS 930,98 517.58 10,33 CS 928,21 520,13 10.33
C 891,18 517.52 10,33 C 876,64 518,37 10.33
D 835,18 515.99 10,33 D 827,86 516,76 10.33
E 773,20 514.04 10,33 E 763,16 514,81 10.33
F 667,24 511.83 10,33 F 645,72 512,38 10,33
 

Per CCNL Lapidei i minimi tabellari sono comprensivi di euro 4,13 a titolo superminimo collettivo

Scatti di Anzianità

Gli scatti di anzianità. Gli scatti di anzianità sono aumenti retributivi che maturano periodicamente in funzione dell'anzianità di servizio presso la stessa azienda e che premiano la crescita professionale acquisita dal lavoratore negli anni.

La normativa di questi aumenti periodici è stabilita dai contratti nazionali, i quali indicano la cadenza temporale e il numero massimo degli scatti nel corso della vita lavorativa.

In genere hanno cadenza biennale o triennale e decorrono dal primo giorno del mese immediatamente successivo a quello in cui si compie il triennio d'anzianità nella stessa azienda. Sono calcolati in cifra fissa o anche in percentuale sulla base degli elementi retributivi stabiliti dai contratti collettivi.

Variano in base alla qualifica contrattuale.

In caso di passaggio di livello, alla data di maturazione dello scatto successivo, si provvede a rivalutare l'importo degli scatti complessivamente maturati.

Rappresentano la parte di retribuzione dovuta ad ogni dipendente per l'anzianità effettiva nella stessa azienda.

Si segnala la novità introdotta nell’ultimo CCNL con la rivalutazione degli scatti per i settori legno, cemento e lapidei. Ogni scatto matura ogni due anni di anzianità aziendale fino (di norma) ad un massimo di 5 scatti.

Gli impiegati che applicano il CCNL Laterizi Industria assunti prima del 29 luglio 1979 hanno diritto a 14 scatti, mentre per gli impiegati assunti tra il 29 luglio e il 31 dicembre 1979 vi è un trattamento particolare, di cui rimandiamo alle sintesi contrattuali contenute nella parte finale dell’opuscolo. 

cemento 1.2.08 legno 1.2.09 lapidei 1.1.09 laterizi  
Livello Valore Livello Valore Livello Valore Livello Valore
AD 3 14,80 AD 3 14,77 AS 13,01 AS 14,72
AD 2 13,00 AD 2 14,77 A 11,97 A 11,71
AD 1 11,50 AD 1 13,92 B 9,80 B 9,60
AC 3 11,00 AC 5 13,07 CS 9,45 CS 8,70
AC 2 10,70 AC 4 11,92 C 8,82 C 8,32
AC 1 9,80 AC 3-AC2-AS4 10,79 D 8,31 D 7,87
AS 3 9,30 AC 1 10,76 E 7,69 E 7,23
AS 2 9,10 AS 3 10,22 F 6,65 F 6,79
AS 1 8,90 AS 2 9,66        
AQ 2 8,50 AS 1-A E4 9,09        
AQ 1 8,30 AE 3 8,80        
AE 1 7,70 AE 2 8,53        
    AE 1 7,95        
 

Indennità Mensa

Nel CCNL Legno è prevista mezz’ora di riposo retribuito se si presta orario continuato di 8 ore. Se non vi sono le condizioni tecniche per utilizzare la mezz’ora ora viene riconosciuto il 7% di turno.

Compare laddove è stata contrattata a livello aziendale, in alcuni CCNL si demanda alla Rsu la definizione, (nel CCNL cemento vi è una normativa particolare). 

Superminimo

È la parte della retribuzione mensile acquisita con la contrattazione aziendale o corrisposta dall'azienda, sia collettivamente che individualmente.

Il superminimo collettivo o individuale non è assorbibile da futuri aumenti contrattuali e/o da passaggi di qualifica se definito tale da contratto scritto. In caso contrario può essere assorbito da aumenti contrattuali e/o da passaggi di qualifica. 

Cottimo

Il cottimo è una particolare forma  di retribuzione, abbastanza anacronistica oggi, disciplinata dagli articoli 2100 e 2101 del Codice Civile. I vari CCNL definiscono le percentuali non inferiori minime di utile di cottimo da conseguire, rispetto alla paga base tabellare, e ne regolano le eventuali compensazioni in caso di mancato raggiungimento del minimo previsto per ragioni indipendenti dalle capacità e dalla volontà del lavoratore interessato. Di norma avviene una integrazione fino al raggiungimento di detto minimo.   

Altre Voci Mensili

Possono rientrare nella retribuzione mensile tutti quei compensi che sono corrisposti mensilmente a vario titolo, che incidono sulle maggiorazioni e sui vari istituti contrattuali. 

Determinazione della retribuzione 

I lavoratori sono di norma retribuiti: impiegati con retribuzione mensile, operai con retribuzione oraria.

In casi particolari anche gli operai sono retribuiti con la mensilizzazione, in tal caso sono da computare correttamente le competenze, esempio: straordinario, festività, maggiorazione turni ecc. che di norma sono riconosciuti il mese successivo alla prestazione.

Tutti i contratti riportano il minimo contrattuale mensile (paga base, contingenza, scatti di anzianità, E.D.R.) per cui per trovare la retribuzione oraria occorre utilizzare il divisore previsto. 

    OPERAI

IMPIEGATI ORARIA

OPERAI   IMPIEGATI

GIORNALIERA

CEMENTO – CALCE – GESSO INDUSTRIA   175 26
LEGNO  INDUSTRIA   174 26
LATERIZI E MANUFATTI  INDUSTRIA   174 26
LAPIDEI   174 25

 

 

Calendario

<<  Luglio 2014  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
   1  2  3  4  5  6
  7  8  910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   
FILLEA CGIL del Veneto Template by Ahadesign Powered by Joomla!